Cedolare secca in arrivo per le locazioni e blocco all'apertura di nuove strutture a Venezia, Città Antica

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Ieri, 15 Giugno 2017, ha ottenuto la fiducia in Senato il D.L. 50/2017, noto anche come la “Manovrina”, che all’art. 4 prevede modifiche consistenti alla disciplina sulle Locazioni Turistiche.
Siamo ora in attesa che sia pubblicato il testo definitivo in Gazzetta Ufficiale, per poter fornire i primi commenti e le indicazioni su cosa cambierà in concreto.
Sempre di ieri è la notizia, altrettanto preoccupante per il COMUNE DI VENEZIA, dell’approvazione della proposta di deliberazione 198/2017 – VPRG per la Città Antica, con cui il Comune blocca, di fatto, blocca i cambi di destinazione d’uso, ma non solo: l’attuale formulazione dell’allegato 1 alla Variante sembrerebbe bloccare tutte le nuove aperture di strutture ricettive, recitando all’art 21-bis:
“…a partire dalla data della presente variante non sono ammessi nuovi insediamenti o ampliamenti di attività ricettive alberghiere o extralberghiere
I problemi interpretativi sollevati da questa disposizione riguardano principalmente l’apertura di B&B e locazioni turistiche, che come ben sapete, non importano un cambio di destinazione d’uso, che rimane residenziale.
Non essendovi cambio di destinazione d’uso, a nostro avviso, le richieste per B&B e Locazioni dovrebbero essere fatte salve, ma è molto probabile che il Comune rifiuterà anche queste, approfittando della non chiara formulazione della disposizione riportata sopra.
Nel probabile caso in cui ciò avvenga, saremo costretti ad impugnare il provvedimento. Ma sarà una battaglia che dovremo condurre tutti assieme!