Redditi 2018 – BONUS Mobili

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Ai contribuenti che fruiscono della detrazione prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio è riconosciuta una detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla “A+”, nonché “A” per i forni, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto della ristrutturazione.

Le spese per l’acquisto dei mobili e degli elettrodomestici sono computate, ai fin della detrazione, indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione.

Il limite imposto dalla norma è di € 10.000,00 per ogni singola unità immobiliare sottoposta a ristrutturazione, ripetibile laddove il contribuente abbia eseguito lavori di ristrutturazione su altri immobili.

La deduzione spetta nel limite del 50% dell’importo ammesso ripartita in 10 rate di pari importo. La deduzione non è cumulabile con il bonus spettante alle “giovani coppie”.

Il pagamento deve avvenire tramite bonifici bancari (ordinari) o postali oppure tramite carte di credito e/o di debito. Non è consentito effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

E’ necessario conservare la documentazione attestante l’effettivo pagamento e le fatture di acquisto dei beni con la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti.

I dati per usufruire della detrazione vanno rispettivamente indicati:

▪ Rigo RP57 del Mod. Persone Fisiche 2018;

▪ Rigo E57 del Mod. 730/2018.

N.B. Per i soci che decidono di applicare la “cedolare secca”, occorre tener presente che la detrazione del 50% Bonus Mobili diventa incompatibile, essendo la cedolare secca una imposta sostitutiva all’IRPEF ordinaria. Stesso dicasi per coloro i quali hanno partita Iva con regime forfettario.

Anche in questo caso essendo l’imposta del 5% e/o del 15% una imposta sostitutiva dell’IRPEF ordinaria, valgono le stesse considerazioni di cui innanzi. Le considerazioni di cui sopra valgono anche in caso di credito d’imposta derivante dagli interventi di ristrutturazione edilizia e/o risparmio energetico.