Agosto deludente: il ceto medio va meno in vacanza

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

In questi giorni le principali testate giornalistiche iniziano a tirare le somme sull’andamento del mese di Agosto, il mese simbolo delle vacanze estive. Il risultato è piuttosto deludente, come dichiarano i gestori di strutture ricettive extralberghiere ed alberghiere.

A mancare, nelle principali mete turistiche, sono soprattutto i tedeschi e gli inglesi. Tra le cause vi sono sicuramente la crisi economica della Germania ed i timori legati alla Brexit.

In Italia si registrano dei cali su quasi tutto il territorio. Spiccano, tra le Regioni colpite, la Sardegna (-5%), il Lazio (-30%), la Toscana (-30%) ed il Veneto (-5%). [Fonte: Corriere della Sera].

Si salva il settore lusso, che mantiene un trend positivo, in particolar modo in Campania e Liguria.

In forte crescita, invece, oltre alla Spagna, le mete più economiche, come Turchia, Tunisia ed Egitto.

La situazione complessiva evidenzia che il ceto medio tende a viaggiare meno o a scegliere mete economiche. In diminuzione anche la spesa media giornaliera durante il soggiorno.

Si rende necessario un intervento più incisivo da parte delle amministrazioni per promuovere le destinazioni locali e la qualità dell’offerta turistica italiana.

Vuoi approfondire la questione del calo delle prenotazioni con i colleghi e provare a proporre delle soluzioni? Partecipa al Meet-up di domani, 22 Agosto!

0